Padova, stretta sugli alcolici in strada

Nuova stretta sulla movida a Padova. In un incontro con la polizia Municipale, l’Appe (l’associazione dei pubblici esercenti, ndr) ha avanzato la proposta di aumentare le pene per quei ragazzi che si portano dietro bottiglie e lattine comprate altrove e le consumano nei luoghi pubblici. I trasgressori, se pizzicati, dovranno sborsare 500 euro di multa o ripulire le piazze. «I veri responsabili di rumori, assembramenti, imbrattamenti denunciati dai residenti, non sono i clienti dei bar, ma le persone che arrivano da fuori portandosi dietro le bottiglie», sottolinea al Mattino Filippo Segato, presidente di Appe.

Intanto prosegue l’applicazione dell’ordinanza che prevede la patente a punti per i bar. Sanzionati due bar di via Dante (Code e Giornale&Caffè) per la musica troppo alta e l’Alexander di via San Francesco per aver chiuso dopo le 22 violando un precedente regolamento mirato specificatamente contro il locale. Questo fine settimana inoltre sono scattate altre due segnalazioni e sono in corso accertamenti. «Siamo molto soddisfatti dei risultati della patente a punti, il bilancio è positivo – afferma l’assessore al Commercio Eleonora Mosco – C’è stato un adeguamento generale alle nuove norme: tutti si sono dotati di vigilantes e tutti hanno sistemato i cestini in cartone. Gli eventi sono triplicati – conclude – Nell’ultimo mese ce ne sono stati 63»

Tags: ,