Murano, lavoratori vetro incatenati per protesta

Nella mattinata di lunedì i 14 lavoratori licenziati dalla Formia International si sono incatenati simbolicamente all’esterno dell’azienda per protestare contro il licenziamento di personale specializzato nella produzione del vetro di Murano. «Il rischio più grande – sintetizza nelle pagine de la Nuova Venezia Michele Pettenò, segretario provinciale della Filctem Vetro – è che si possa innescare una reazione a catena, andando a coinvolgere anche altre aziende in difficoltà e che potrebbero scegliere la strada dei licenziamenti per uscire dalla crisi».

La protesta è stata organizzata da Filctem-Cgil come prologo all’assemblea generale dei lavoratori del vetro muranese. «Non intendiamo stare con le mani in mano – ha continuato Pettenò – tanto più in una situazione nella quale il Tribunale ha dato ragione ai lavoratori e chiesto alla Formia, e alla Murano Luxury Glass che ne ha rilevato un ramo d’azienda, di reintegrare il personale. Non si possono perdere competenze e professionalità come questi. La Filctem-Cgil – promette Pettenò –  lavorerà per fare in modo che chi dovesse restare a casa possa essere assunto in altre aziende. A giugno faremo un secondo incontro per valutare l’evoluzione che avrà avuto la situazione. Non siamo di fronte a un vero e proprio stato di agitazione generale, ma il passo sarebbe breve per far sentire la nostra voce».

Tags: ,