Treviso, Alfano: «via migranti da case private»

«Non stiamo spingendo in quella direzione, lavoriamo per riuscire a far tutto senza ricorrere alle case private». Così il ministro dell’Interno Angelino Alfano, ieri a Treviso in qualità di presidente di Area Popolare per tirare la volata a Flavio Tosi, è intervenuto sulla polemica sorta sul modello di accoglienza diffusa dei migranti. «Non abbiamo particolare inclinazione a favorire quel tipo di soluzione, preferiamo sistemazioni che garantiscano la sicurezza di tutti, anche degli stessi che hanno già rischiato la morte nella traversata del Mediterraneo», ha aggiunto al Corriere del Veneto.

«Abbiamo sempre gestito con grande forza, e al tempo stesso con grande equilibrio, una vicenda che ora risolveremo facendo arrivare meno migranti in Italia anche grazie alla realizzazione di campi profughi in Africa e con una distribuzione equa a livello europeo di coloro che scappano davvero da guerre e persecuzioni», prosegue il ministro. Alfano attacca anche il governatore uscente del Veneto accusandolo di aver approvato lui stesso la distribuzione dei profughi in quote ai Comuni alla conferenza Stato-Regioni dello scorso luglio: «La firma del Veneto c’è, a meno che Zaia non pensasse che si trattava di inchiostro simpatico».

Tags: ,