Pesce fresco: 3 ricette venete della nonna

Quando si tratta di ricette di pesce fresco, la cucina veneta si sbizzarrisce. Del resto la materia prima non manca, e si continuano a tramandare ancora le vecchie ma sempre appetitose ricette della nonna. Chi non ha mai detto «El baccalà de me nona iera el pi bon!». Ecco a voi 3 piatti da preparare come facevano le nostre nonne.

1) Sarde in Saor

sarde in saor!

Le sarde devono essere ripulite della testa e delle interiora, squamate e infine lavate e asciugate. Dopo averle infarinate, friggerle in olio ben caldo poche per volta, rendendole dorate. Quindi appoggiarle su carta assorbente per lasciarle raffreddare. Contemporaneamente, soffriggere le cipolle tagliate a listelle, versare l’aceto e il sale mantenendo la cottura sino all’assorbimento dell’aceto. Quindi, in una terrina, si disporranno alternandoli uno strato di sarde e uno di cipolle, aggiungendo sopra gli strati di cipolle pinoli e uva sultanina.

2) Baccalà alla Vicentina

baccala-alla-vicentina

Appassire le cipolle nel burro e in poco olio, unire i pezzi di stoccafisso puliti, spinati e leggermente infarinati e farli rosolare. Coprire con il latte e cuocere per 2 ore a fuoco dolce. A 3/4 di cottura circa unire un trito di aglio, prezzemolo e acciuga diluito con poco olio.

3) Seppie alla Veneziana

seppioline-alla_veneziana

Pulite le seppie, lavatele in acqua corrente e tenete da parte il sacchetto dell’inchiostro. Pulite e tritate finemente il prezzemolo. Mettete le seppie in un tegame su fuoco moderato con dell’olio e uno spicchio di aglio; quando quest’ultimo è diventato di colore scuro, eliminatelo e condite le seppie con sale e pepe macinato al momento. Fate cuocere le seppie per una ventina di minuti a fuoco lento e a tegame coperto, poi irroratele con il vino e aggiungetevi l’inchiostro. Aggiungete alle seppie pronte il prezzemolo.

Questi sono solo alcuni tra gli esempi più famosi per gustare delle sfiziose ricette venete a base di pesce fresco, ma non dimentichiamo anche orate, scampi, branzini, rombi e anguille. Per non parlare di crostacei, cozze e vongole: ce n’è per tutti i palati.  Come ci spiegano gli esperti di Pamche ha fatto del pesce di qualità un suo punto forte, il denominatore comune è solo uno: la freschezza.

Raccomandato da PAM

 

Tags: