Interessi su interessi, Antonveneta condannata

Banca Antonveneta spa (dal 2008 parte del gruppo Monte dei Paschi di Siena) è stata condannata a restituire la cifra di 148.366,93 euro, da sommarsi agli interessi legali e alle spese, a una coppia padovana di correntisti pensionati. In oltre dieci anni di rapporto con la banca, infatti, i due avevano pagato interessi su interessi e interessi passivi oltre il tasso legale.

Di anno in anno gli interessi continuavano a moltiplicarsi tanto che, a un certo punto, i coniugi decisero di far causa alla banca, convinti che questa avesse indebitamente trattenuto il loro denaro. Dopo le prime richieste di risarcimenti in via transativa, rifiutati o ignorati dalla banca, è partita la causa contro l’applicazione degli interessi anatocistici, ovvero interessi scaduti che producono, a loro volta, ulteriori interessi passivi addebitati alla chiusura di ogni trimestre. Il legale della coppia ha poi denunciato anche l’applicazione di interessi oltre il tasso di legge.

Secondo il giudice gli interessi anatocistici non avrebbero dovuto essere applicati in quanto pratica vietata in base all’articolo 1283 del codice civile: la capitalizzazione trimestrale degli interessi deve essere espressamente pattuita per iscritto fra banca e cliente. Così il ricalcolo del saldo di conto corrente ha accertato un debito della banca verso i correntisti per oltre 148 mila euro, somma che i due pensionati potranno reclamare forti della sentenza di primo grado.