Venezia, comunali: Brugnaro ricompatta centrodestra

comunali

In vista del ballottaggio a Venezia il candidato sindaco Luigi Brugnaro ricompatta le forze del centrodestra. Forza Italia, Fratelli d’Italia, Ncd-Area Popolare, Lega Nord, Prima il Veneto e sette civiche di centrodestra che al primo turno erano andate in ordine sparso, ora appoggiano il patron della Reyer nella sua corsa contro il candidato del centrosinistra Felice Casson. Con l’accordo firmato ieri siglato col segretario della Lega Alberto Semenzato e col candidato civico al primo turno del Carroccio Gian Angelo Bellati, Brugnaro passerebbe così dal 28 al 47 per cento dei consensi. «Resto convinto del mio slogan né con la destra né con la sinistra. E infatti ho fatto accordi con tutti – dichiara al Corriere del Veneto – nel mio governo della città ci sarà spazio anche per persone trasparenti, pulite e corrette del centrosinistra: decido io, ho carta bianca, dai partiti imposizioni non ne abbiamo e i miei alleati si fidano di me».

In caso di vittoria il Carroccio avrà due assessori (Bilancio e sicurezza) e il vicesindaco (si fa il nome di Semenzato). Queste aperture agli alleati della seconda ora non turbano chi aveva appoggiato Brugnaro già al primo turno: «ci fidiamo di lui e non ci sconvolgiamo se si tira dietro qualcuno del centrosinistra moderato — dice il vice coordinatore regionale di Forza Italia Michele Zuin — Sono contento che siamo tutti uniti per vincere». «Per la prima volta potremmo ragionare insieme su sanità, bonifiche, turismo. E sulla Città Metropolitana: possiamo creare insieme lo Statuto», conclude Brugnaro riferendosi al governatore Luca Zaia che oggi all’Hilton Garden Inn di San Giuliano Zaia darà l’investitura ufficiale all’imprenditore.

Tags: ,

Leggi anche questo