Grandi navi, patto Brugnaro-Costa

Luigi Brugnaro, il nuovo sindaco di Venezia, è contrario al progetto Contorta e al nuovo terminal crociere all’isola del Lido. E ha stretto un patto con il presidente dell’Autorità portuale veneziana, Paolo Costa (in foto), per presentare un progetto che prevede il canale Vittorio Emanuele come tragitto alternativo per far arrivare le navi in Marittima. Ma il progetto Venice Cruise 2.0 di Duferco-De Piccoli non si ferma, visto che è stato inserito nell’iter della Valutazione di impatto ambientale (Via), esattamente come il Contorta.

«È cambiato il sindaco? Per noi non è cambiato nulla – spiega alla Nuova Venezia Cesare De Piccoli, già viceministro ai Trasporti – non sono gli enti locali che possono bloccare questo iter, deciderà il governo». Polemica sull’accordo Costa-Brugnaro anche da parte dei comitati: «Paolo Costa abbandona velocemente il progetto Contorta affondato da pareri negativi degli esperti della commissione Via – dichiara Luciano Mazzolin del comitato No Grandi Navi – salta sul carro di Brugnaro e sposa un progetto che non c’è».