Opv, Bitonci attacca: «troppe rogne tenute nascoste»

Schietto e diretto, Massimo Bitonci torna a parlare dell‘Orchestra di Padova e del Veneto: «devo purtroppo ammettere che, dall’amministrazione comunale precedente, abbiamo proprio ereditato un bel casino».
Come spiega il Corriere del Veneto l’Opv versa in stato di crisi da parecchio tempo, almeno dall’autunno del 2011. Allo stato di crisi si aggiunge un altro problema: Clive Britton, direttore artistico licenziato da poco dal vicepresidente Vittorio Trolese. Inoltre non si possono tralasciare le dimissioni dell’ex assessore alla Cultura, Flavio Rodeghiero.

Il sindaco Bitonci ha fatto chiarezza durante il consiglio generale: «la questione non riguarda solo Britton sì o Britton no, ma anche tutte le rogne che, man mano, stanno venendo fuori. Nel senso che, per molti anni, sono state tenute nascoste tante situazioni, come ad esempio il doppio impiego dei musicisti e poi il fatto che, non riuscendosi a mantenere con gli incassi di abbonamenti e biglietti, i conti dell’Opv debbano periodicamente essere ripianati dalle amministrazioni pubbliche». La vicenda sembra destinata ad esplodere.

Tags: ,