Venezia, Marini alla guida dell’Accademia

Paola Marini, veronese, 63 anni, storica dell’arte alla guida dei Civici musei d’arte di Verona, è il nuovo direttore delle Gallerie dell’Accademia di Venezia, scelta dal ministro Dario Franceschini. «Notizia che mi è arrivata come una bomba, perché mi sentivo una outsider», commenta al Corriere del Veneto. La scelta di Franceschini è caduta sulla Marini che aveva notevoli concorrenti: il canadese James Bradbourne, scelto per la Pinacoteca di Brera a Milano, la bolzanina Martina Bagnoli (che era in lizza per quasi tutti i 20 musei leader italiani) e l’ex soprintendente di Venezia Renata Codello, ora alla guida di Roma.

«Ho recuperato all’orale – racconta la neo direttrice Marini – sapevo che c’era molto interesse per gli stranieri e nessuno ha usato i guanti di velluto in commissione. Alle Gallerie, mi sembra sia stato fatto un bel lavoro. L’operazione è un capolavoro in Italia; cosa che non è riuscita nemmeno a Brera, e che ora merita di essere completata con l’allestimento». «Completare il restauro della parte storica – prosegue Marini – è una delle mie priorità. Spero che il Tar risolva velocemente il contenzioso. Poi bisogna organizzare gli uffici assieme al direttore del Polo museale regionale, il segretario generale, il direttore Soragni e il ministro. Tenere relazioni con i musei internazionali, le università, il Comune, la Curia»