Scafista diventa tour operator su Facebook

Per arrivare in Europa ora si naviga in rete: su Facebook, lo scafista diventa tour operator. Come spiega il Corriere della Sera, sul famoso social network si trovano pagine in arabo che pubblicizzano sbarchi e traversate, aggiornate con prezzi, indirizzi e numeri di telefono. Destinazione l’Italia. Tantissime le informazioni scambiate da chi è interessato ad intraprendere il viaggio e chi si improvvisa organizzatore: per un viaggio dalla Siria vengono richiesti dai 3.500 ai 4.500 euro, l’equipaggio è formato da cinque persone esperte, i posti disponibili sono 300, le famiglie non verranno separate, la durata sarà di sei o otto ore, i bambini hanno degli sconti. Cosa fondamentale? Prima di partire bisogna pagare. Ci si imbatte nella concorrenza che non tarda ad affermare nei commenti di avere i prezzi più bassi.

Un vero e proprio mercato di domanda e offerta. I gruppi, numerosissimi, sono tutti in lingua araba e servono a pubblicizzare i pacchetti viaggio dei trafficanti. “Viaggi dalla Libia all’Italia”, “Viaggi dalla Libia a tutto il mondo”, “Viaggi verso l’Unione europea”. Aggiornamenti continui sullo stato della traversata, esaltazioni quando tutti arrivano sani e salvi dopo essere stati soccorsi da una nave militare. Nel caso della Libia il percorso è via mare, per la Turchia via terra o aereo. Numeri di telefono ai quali inviare il codice di spedizione a pagamento avvenuto ma niente messaggi o telefonate: gli accordi attraverso app quali Viber e Whatsapp per sfuggire alla polizia.

Tags: