Settembre, 5 buoni propositi femminili

Dopo relax e abbuffate di ferragosto arrivano i sensi di colpa: ecco 5 buoni propositi che non manterremo mai ma che ci fanno sentire la coscienza a posto

Un po’ come accade a capodanno, settembre è quel mese in cui, passata l’euforia delle vacanze,  si fanno tanti buoni proposti, delle promesse che ci fanno sentire a posto la coscienza. Dopo esserci goduti le ferie, le abbuffate di ferragosto o anche il dolce far niente estivo, si tira fuori un foglietto e si fa una lista delle cose che vorremo cambiare. Ma quali sono i buoni propositi di tantissime donne? A leggerli vi verrà in mente che siamo meno complicate di come pensate:

1 – DA DOMANI MANGIO SOLO COSE SANE: il domani in questione non si è ancora capito a che giorno sia riferito: un domani ipotetico, un domani futuro, probabilmente del 2050, quando saremo tutti in forma e magri grazie alla scienza che avrà fatto passi da gigante, si spera!  Se invece non volete aspettare il futuro e iniziare la dieta si comincia col fare una bella spesa detox. Si riempie il frigo di frutta e verdura, si pianificano colazioni con centrifughe e cene a base di insalate. E poi? E poi si chiama l’amica e si esce a mangiare la pizza!

abbuffarsi__1441870056_92.223.188.34

2 – RICOMINCIO AD ANDARE IN PALESTRA e A CORRERE: si punta la sveglia all’alba perché il mattino si bruciano più calorie e poi durante la giornata si hanno più energie. Il primo giorno ci si alza, ci si veste di tutto punto, il secondo giorno pure, peccato che alle 16 comincia a salire una fame e una stanchezza che il mattino seguente, a forza di posticipare la sveglia si arrivi pure tardi al lavoro. Ben tornata pigrizia.

divano__1441870087_92.223.188.34

3- MI ISCRIVO AL CORSO DI CUCINA: dopo aver fatto l’ennesima brutta figura, per esserci dimenticate il sale nell’acqua della pasta, è giunto il momento di iscriversi ad un bel corso di cucina per diventare la perfetta massaia o al limite guardare con più attenzione le puntate di Masterchef.

cucina__1441870104_92.223.188.34

4- BASTA CON LO  SHOPPING COMPULSIVO: l’armadio scoppia di capi inutili, di shorts in pailettes che non metteremo mai, di abiti che neppure Kim Kardashan oserebbe indossare, quindi è tempo di darsi una regolata. Solo vestiti utili, nulla di superfluo. Poi arrivano le collezioni nuove e la carta di credito viene strisciata talmente tante volte che neppure se presentassimo tutti i giorni il Festival di Sanremo con 5 cambi riusciremmo a mettere tutto.

shopping__1441870164_92.223.199.18

5-  IMPEGNARSI NELLO STUDIO e NEL LAVORO SENZA PRENDERSI ALL’ULTIMO: prima che mail e scartoffie varie comincino ad accumularsi nuovamente sulla nostra scrivania, iniziamo bene dopo le vacanze studio e lavoro. Non ci lasceremo mai più quello che non ci piace indietro, mai, mai, mai. Sì, certo.

lavoro__1441870216_92.223.199.18