Imam espulso, il racconto della scuola

«Mi farò esplodere», «userò le armi contro di voi». Queste alcune delle frasi choc che avrebbero pronunciato alcuni bambini di fede islamica di una scuola elementare di Schio. La segnalazione è sfociata in un’indagine che ha portato all’espulsione dell’imam Sofiane Mezerreg. Tutto è partito quando gli alunni durante una lezione di educazione musicale si sono tappati le orecchie per non ascoltare le note adducendo come spiegazione che «l’imam della nostra moschea dice che ascoltare musica e suonare strumenti musicali è peccato». Al centro delle preoccupazioni anche alcune presunte minacce che i bambini avrebbero rivolto ai loro coetanei: «quando sarò grande mi farò esplodere con una bomba, userò le armi contro voi italiani, vedrai».

Il preside però precisa sul Corriere del Veneto«a volte i ragazzini le dicono normalmente queste frasi, potevano non essere correlate ad altro». «La maestra mi ha informato di quell’episodio – continua il dirigente scolastico – del fatto che i bambini alla domanda “perché non volete fare musica?” hanno risposto “perché è una cosa brutta”. Io ho pensato che se non partecipavano alle lezioni non si poteva dargli un voto finale in quella materia e quindi non avremmo potuto promuoverli. Tutto è rientrato, ma comunque ho ritenuto opportuno chiedere un consiglio ai carabinieri».