Essere madri umane e non mamme “alla Belen”

Evviva i difetti, che ci rendono uniche e reali!

Quando diventerò mamma non mi trascurerò mai. Il rapporto con mio marito non cambierà. Tornerò in forma entro pochi mesi. Ecco, cosa si può dire dopo queste frasi ? Amen! Chi di noi, prima di farsi una famiglia, non ha pensato almeno una volta che sarebbe stata diversa dalle mamme trasandate che talvolta si incontrano? E poi che succede? Diciamoci la verità: quando siete diventate mamme, come erano i capelli? Sempre perfetti come un tempo? E le unghie? Sempre in ordine e curate? Suvvia, anche no! E vogliamo parlare della prova costume? Una mamma di un bimbo piccolo la riconosci facilmente: ha i capelli sconvolti, veste le prime cose che trova nell’armadio e ha sempre un sonno terribile. Ma c’è una buona notizia: se siete tra queste vuol dire che siete delle ottime madri. Oggi siamo abituate a vedere donne come Belen, che tutto sommato è anche simpatica, ma quanto reale è come mamma 24 ore su 24? Tralasciando il fatto che lavora con la sua immagine e il suo è un corpo, vero o meno, praticamente perfetto, che capacità “mammesche” può trasmettere? Alzi la mano chi, dopo aver allattato una notte intera, si è alzata con la voglia di truccarsi, pettinarsi e vestirsi all’ultima moda. Oserei dire nessuna. Vorrei che gli stereotipi di donne-madri che i media ogni giorno ci presentano fossero più veri. Più umani.

Noi mamme abbiamo bisogno di tempo, molto tempo per arrivare a trovare uno spazio e un equilibro tra la donna che siamo e la madre che siamo diventate. Non a caso il congedo parentale dura 1 anno. Penso che queste icone non facciano nemmeno bene a noi donne comuni. Insomma, dopo 3 mesi che non dormi, di certo non sei pronta per un servizio fotografico e di finire in copertina. Ah, ma lei può: è bellissima. Lei è una donna da copertina, noi anche, ma da copertina in senso di plaid.  L’avete vista la foto che girava sui social di Belen nuda a letto, con la febbre? Insomma dai, non prendiamoci in giro. Noi donne sembriamo delle scope quando diventiamo mamme. Siamo distratte, ci dimentichiamo tutto, stiamo tra le nuvole perché il nostro unico pensiero è il nostro bambino. Invece i  media vogliono farci credere che una donna può partorire e dopo tre giorni fare una sfilata. Ma nemmeno dopo 1 anno. Ma perché poi? Bisogna essere mamme e donne perfette. Ma siamo forse dei robot? No! Diciamo di no per favore a tutto ciò che è solo pura bellezza estetica. Essere mamme è completamente altro. E’ amare il nostro mondo trasandato che metteremo a posto in seguito. E’ apprezzare con il cuore ciò che stiamo vivendo. Smettiamola di criticarci, ridiamo dei nostri capelli spettinati e del fatto che il seno è più cadente e la pelle presenta qualche smagliatura. Quelli che definiamo difetti sono segni importanti del fatto che abbiamo avuto il coraggio di vivere la vita pienamente. Basta con tutte queste mamme patinate, finte e rifatte. Ma dove stiamo andando? E perché?

Evviva i difetti, che ci rendono uniche e reali! Insomma prendiamocela con calma, ridiamo di noi stesse: solo così potremo alleggerire la fatica dei primi tempi, quando non sarà possibile prendersi cura di sé, della casa e del marito. Tanto tornerà nuovamente il momento in cui la mamma potrà riabbracciare il suo lato femminile. Solitamente intorno ai tre anni del pupo, quando inizierà ad andare alla materna. Ma ricordatevi: c’è sempre tempo per riprendersi. C’è un patto che noi facciamo inconsciamente con noi stesse ed è umano farlo: doniamo molto alla vita perché la vita ci dia un figlio. Ma poi tutto ci verrà restituito. Quindi donne che ancora non siete mamme cercate di capire le neo mamme e voi già mamme aiutatevi, (rendete fashion il trasandato ad esempio!) perché è fondamentale. Una mamma può capire la fatica di un’altra. Belen può rimanere benissimo un gossip quando andrete dal parrucchiere, per lei il gossip è un lavoro, le fate anche un piacere. Diciamo sì alle mamme che si rispettano nelle loro debolezze, ma che poi hanno il coraggio di riprendersi e tornare ad essere delle donne meravigliose, ancora più belle in quanto madri.

Tags: