Padova, apre scuola anti-gender

Con lo slogan «scegli tu come educare i tuoi figli», apre a Padova la scuola anti-gender. Si tratta di una cosiddetta “scuola parentale” voluta nello storico asilo parrocchiale della chiesa di Sant’Ignazio di Loyola in rione Montà, dal parroco don Giovanni Ferrara (contro il volere della diocesi) e dai genitori tradizionalisti sostenitori del progetto anzitempo pubblicizzato nei siti di Alleanza Parentale.

Gli alunni per ora sono meno di una decina e la maestra è una sola. In classe è rigorosamente vietata la teoria del gender «perché sui bambini non si fanno esperimenti», e la didattica, benchè segua il programma ministeriale, guarda al passato: si insegna infatti la bella calligrafia, la buona lettura, e il far di conto. I bambini entrano alle otto e vanno a casa presto, senza compiti da fare, così hanno tempo per «stare in famiglia e con gli amici». Per le rette? Più o meno ognuno secondo le proprie disponibilità. Ma il progetto della scuola parentale, importato dagli Stati Uniti, potrebbe avere vita breve. Il quartiere infatti ha mal digerito la chiusura della materna parrocchiale e la diocesi sta valutando la validità delle autorizzazioni.