Medicina di gruppo, 8 poli nel veneziano

Nascono nel Veneziano otto nuovi poli sanitari che applicheranno la “Medicina di gruppo integrata”: saranno centri in cui i medici di base lavoreranno assieme, nella stessa struttura, con l’ausilio di infermieri e di personale di segreteria. Come riportato da La Nuova Venezia saranno a San Donà, Portogruaro e San Stino le prime medicine di gruppo integrate. L’idea è quella di raggruppare in una sola struttura i medici di famiglia, che fino ad ora hanno lavoravano separati, e che ora avranno il supporto di specialisti già presenti all’interno del centro medico. Appena arriverà l’approvazione della regione, saranno circa 30 mila i pazienti coinvolti nel cambiamento, un nuovo metodo organizzativo che farà sicuramente da apripista per altre realtà veneziane e venete.

Intanto la previsione è di chiudere il progetto entro il 2018 con altre quattro strutture integrate. «L’ospedale guarda alla malattia, il territorio alla persona. Per questo motivo, nella programmazione dell’assistenza primaria, è stato tenuto conto del contesto socioculturale senza stravolgere l’esistente – spiega Carlo Bramezza, direttore generale dell’Asl 10 – nelle medicine di gruppo integrate i cittadini, oltre al proprio medico, avranno a disposizione strutture fornite di professionisti, infermieri, servizi informatici, una organizzazione del lavoro che offrirà un’assistenza costante, tutti i giorni dalle 8 alle 20».

Tags:

Leggi anche questo