Bolla, imprenditore e uomo delle istituzioni

Nato a Verona nel 1951 il nuovo presidente di Veneto Banca Pierluigi Bolla è un imprenditore vitivinicolo della Valdo Spumanti, uno dei marchi storici della Valdobbiadene. Dopo la laurea in Economia e commercio all’Università di Verona ha sempre affiancato alla carriera imprenditoriale e alle sfide industriali un interesse per la politica e il servizio nelle istituzioni: nella prima metà degli anni ottanta è stato assessore provinciale a Turismo, cultura, sport e ricerca scientifica della provincia di Treviso; nella seconda metà degli anni novanta, invece, è assessore al Turismo della Regione Veneto nella giunta Galan.

Poi Bolla diventa commissario della Fiera di Verona e nel 2002 è candidato (perdente) alle comunali di Verona contro Paolo Zanotto. Nel frattempo fa il vicepresidente nazionale di Federvini, è presidente della Venezia Terminal passeggeri e consigliere d’amministrazione dell’Enit. «Pierluigi Bolla è un uomo d’impresa, attento ai bilanci, manager autonomo e oculato ma soprattutto di grandi intuizioni e iniziative – raccontano gli amici più stretti alla Nuova Venezia – ha vissuto molti anni negli Stati Uniti imparando l’arte della mediazione».