Bcc Treviso, chiesto risarcimento da 85 milioni

Quale ultimo atto prima della scadenza del loro mandato, i commissari di Credito Trevigiano hanno inviato agli ex amministratori un’azione di responsabilità da 85 milioni di euro per crediti non rientrati. Nel mirino numerosi affidamenti decisi, secondo i commissari, con troppa leggerezza principalmente verso società operanti nell’edilizia e nel comparto immobiliare.

«Di fronte a tanti sospetti su responsabilità omissive l’azione di responsabilità è dovuta e qualche fondamento ci deve essere senz’altro», commenta sul corriere del Veneto il presidente della Federazione veneta delle Bcc, Ilario Novella. «Da un primo sguardo la cifra contestata mi pare eccessiva», commenta invece il segretario della Cgia di Mestre, Renato Mason.