San Donà (Ve), conclusa ispezione Cloe: rischio sanzioni

Giulio Colombo sarebbe un ispettore «scrupoloso e corretto, attento e preciso». Questo almeno secondo i docenti dell’Istituto Mattei Scarpa di San Danà di Piave, in provincia di Venezia, che descrivono l’ispettore mandato dall’Ufficio scolastico regionale per “osservare” Luca Bianco, oggi Cloe, l’insegnante travestito finito nel mirino dell’assessore regionale all’Istruzione Elena Donazzan. Che ha chiesto e ottenuto un’ispezione da parte dell’Ufficio scolastico regionale. «Non l’ho sentito ancora (l’ispettore Colombo, ndr) — spiega Daniela Beltrame, direttore dell’Ufficio scolastico — ma a questo punto diventa una questione legata agli uffici, nel rispetto della privacy dell’insegnante».

Per sapere se l’Ufficio scolastico sanzionerà la docente o meno bisognerà aspettare quindi la relazione dell’ispettore. «Queste ispezioni di solito avvengono quando ci sono problematiche educative — ha invece detto al Corriere del Veneto Francesco Carrer, collega di Cloe incaricato dal preside di accogliere l’ispettore — in questo caso il problema didattico non c’è. Di Bianco gli studenti hanno parlato solo in termini positivi, in molti hanno detto che è una brava insegnante e che sa fare il suo lavoro. E il collega che insegna teoria nella stessa classe ha sostenuto altrettanto».

Tags: ,

Leggi anche questo