Assemblea Veneto Banca, Zaia: «non so se vado»

«Ho fatto la scelta tre assemblee fa di non andarci più. Devo comunque decidere». Il presidente del Veneto, Luca Zaia si è riservato di decidere se partecipare o meno domani all’assemblea di Veneto Banca. «Domani i soci di Veneto Banca dovranno votare tre cose – ha aggiunto – la spa, aumento di capitale, quotazione in borsa. Da domani, però, sparisce anche il voto capitario. L’assemblea non si farà più nel capannone, non ci sarà più il ruolo assembleare, non conterà più la testa ma il pacchetto azionario. E in ogni caso, anche l’eventuale commissariamento porterà all’arrivo del commissario che darà seguito al processo imposto dalla Bce».

«Quindi: o scegliamo di votare sì o è matematico che lo farà il commissario. Non difendo – ha sottolineato nel corso di una trasmissione di AntennaTre – linee e ragioni e mi guardo bene, non faccio altri tipi di difese non conosco il bilancio e la storia di quei bilanci. Io mi fermo qui. Ci verrà spiegato il bilancio, e sarà difficile da capire. Ricordo che io all’assemblea della Popolare di Vicenza non sono mai andato in vita mia. Ma la sintesi di tutto questo è che la messa cantata non funziona più, gli azionisti devono essere protagonisti dall’inizio alla fine».