Veneto Banca, azioni rastrellate a 14 euro

E’ notizia dell’ultim’ora: in questi giorni non meglio precisanti agenti finanziari o persone vicine a grossi imprenditori del Veneto starebbero contattando ad uno ad uno azionisti di Veneto Banca per convincerli a vendere le loro azioni a 14 euro, circa il doppio del valore virtuale che oggi avrebbero stando al prezzo di recesso calcolato di recente dall’istituto a 7,3 euro l’una. A fornire l’informazione è Francesco Celotto, esponente del coordinamento di associazioni di soci che si battono per il no alla spa all’assemblea di domani a Volpago di Montello. «Alcuni miei conoscenti nel Trevigiano sono stati avvicinati ed è stata fatta loro la proposta di acquistare i loro titoli a 14 euro. Potrebbe voler dire che alcuni cercano di contrastare i futuri padroni della banca quando ci sarà lo sbarco in Borsa». La notizia era stata data anche stamattina in un articolo odierno sui quotidiani Finegil (Il Mattino, La Tribuna, La Nuova Venezia): «Consoli starebbe rastrellando azioni per rimanere in gioco, forse non direttamente, ma con un gruppo di imprenditori veneti», scriveva stamattina Renzo Mazzaro riportando delle rivelazioni di ex dipendenti della banca di Montebelluna.