Dokk1, la biblioteca (letteralmente) “solare”

La nuova Biblioteca di Aarhus (Danimarca) è la biblioteca pubblica più grande dei Paesi scandinavi. I suoi trentamila metri quadrati infatti basterebbero a renderla unica, ma Dokk1 (questo il nome della biblioteca) ha un’ulteriore particolarità: il suo spirito green. Il progetto dello studio Schmidt Hammer Lassen Architects, infatti, risponde agli standard nordeuropei di modernità e rispetto dell’ambiente. Ecco quindi che sul tetto di Dokk1 ci sono 3.000 metri quadrati di pannelli solari, che rendono autosufficiente dal punto di vista energetico l’intera struttura.

Le pareti in vetro servono a creare un collegamento visivo tra interno ed esterno, una scelta chiaramente simbolica che rappresenta il sapere pubblico e aperto a tutti “custodito” nella biblioteca. La struttura è costruita su tre livelli: alla base un podio di scalini, sui cui è posto l’edificio di vetro che è poi sovrastato da un ultimo piano poligonale dedicato agli uffici. Oltre al vetro, un materiale utilizzato in modo importante è la lamiera stirata, sui cui si riflettono la città e il porto.

Dokk1, la cui struttura risponde pienamente ai requisiti della Danish 2015 energy classification, si inserisce all’interno di Urban Mediaspace, il progetto di riqualificazione urbanistica che sta trasformando le banchine del porto di Aarhus in una sorta di centro servizi per i cittadini: accanto alla biblioteca ci sono un centro di assistenza, un parcheggio e altri spazi pubblici del porto.

 

tumblr_nqb7k3CmuM1r4e9d3o8_1280__1451492582_79.54.46.231