Presidenza Confindustria, Finco (Pd): meglio forte che veneta

«I giochi sono ancora aperti. Il Nordest ha la capacità e il dovere di esprimere persone che rappresentino in Confindustria la forza e i valori di questo territorio». Lo dice al Corriere del Veneto il presidente di Confindustria Padova, Massimo Finco, in relazione alla successione al vertice di Confindustria del presidente uscente Squinzi. «Sarò a Mogliano per sostenere una candidatura forte. Meglio se veneta. Ma soprattutto forte – aggiunge – «Veneto e Nordest non possono esprimere un candidato se non trovando accordi con altre importanti regioni. Su questo mi rimetto ad altri colleghi con molta esperienza, quali per primo il presidente regionale Roberto Zuccato».

Da imprenditore meccanico Finco si accoda all’auspicio del vicepresidente Stefano Dolcetta di eleggere un presidente in seno a Federmeccanica. A tutt’oggi i nomi in corsa per la presidenza di Confindustria sono solo Francesco Boccia, ex presidente della Piccola, e Aurelio Regina, già vicepresidente di Squinzi.