Dolcetta in Regione, Finco (Lega): «inutile»

Le risposte che ha fornito ieri  il presidente di Banca Popolare di Vicenza, Stefano Dolcetta, durante la sua audizione in Commissione bilancio a Palazzo Ferro Fini, non hanno soddisfatto tutti. «Sono state poche e vaghe. L’audizione è stata inutile», lamenta sul Giornale di Vicenza il capogruppo della Lega Nord, Nicola Finco. Critica anche la dem Alessandra Moretti che si aspettava dati concreti. Il vicentino Marino Finozzi (Lega), presidente di commissione, non si aspettava invece sorprese: Dolcetta «non poteva che “volare alto” visto i due vincoli che non consentono di entrare nei particolari. E cioè l’inchiesta della magistratura in corso sulla gestione dell’istituto e la partita aperta con la Consob perché la BpVi punta a quotarsi in Borsa e aumentare il capitale».

Il consigliere Finco, però incalza: «non possiamo cancellare tutto ciò che è accaduto. Il presidente deve fare chiarezza. Non a caso, ho chiesto se, nel caso la magistratura evidenziasse un comportamento non regolare dei precedenti vertici, abbia intenzione di avviare azioni di responsabilità. Non ha risposto».