Arena Verona, sindacati: lirica a rischio

Festival lirico a rischio: senza il contratto integrativo della Fondazione Arena, disdetto lo scorso 1 gennaio, il festival veronese soffre gravi difficoltà organizzative. Anche perchè il contratto con la Fondazione oltre a fissare i compensi delle prestazioni dei lavoratori, definiva anche le regole del lavoro all’interno dell’Arena. «Dal nostro punto di vista – ha spiegato al Corriere del Veneto il segretario della sigla sindacale Fials di Verona Dario Carbone – si può parlare di inadempienza contrattuale: una scelta unilaterale che mette in difficoltà il teatro dal punto di vista organizzativo».

«Il contratto nazionale – prosegue Carbone – demanda la gestione delle attività dei singoli teatri alla contrattazione aziendale. Toglierlo significa rendere più difficile andare in scena perché, ad esempio, non permette la possibilità di fare prove straordinarie, se ce ne fosse la necessità, perché quelle erano regolamentate dal contratto integrativo».