Arsiè (Bl), Lago Corlo si prosciuga

La mancanza di piogge e nevicate mette a dura prova le riserve idriche e idroelettriche venete. Il Lago del Corlo ad Arsiè (Belluno) è ormai ai minimi storici invernali e il Brenta fatica a mantenere il deflusso minimo. Se la situazione non cambierà il 2016 si annuncia particolarmente difficile. Senza neve in montagna, infatti, le riserve fondamentali a garantire le forniture d’acqua primaverili saranno praticamente assenti. «Se non pioverà o non nevicherà nel prossimo mese, sarà emergenza», dice al Giornale di Vicenza Enzo Sonza, presidente del Consorzio di Bonifica Brenta.

«Il lago del Corlo è ai minimi storici invernali, parliamo di 252 metri sopra il livello del mare, contro i 268 di media. Questi numeri in periodo invernale non si erano mai visti. E in montagna non c’è neve, quindi se non ci saranno precipitazioni nel prossimo mese ci aspetta una primavera disastrosa», conclude Sonza.

Tags: ,