Verona, Motor Bike Expo 2016 al via

Si alzerà venerdì prossimo a Veronafiere il sipario sull’edizione 2016 di “Motor Bike Expo”, in programma fino a domenica 22 gennaio nel quartiere fieristico scaligero. L’esposizione occuperà sette padiglioni con una superficie complessiva superiore ai 70 mila metri quadrati, articolati su grandi aree tematiche: produzioni di serie, custom, café racer, mondo delle competizioni, off road, abbigliamento, accessori e componenti, turismo, merchandising e vendita diretta in fiera.
L’internazionalità della manifestazione è sottolineata dalla presenza di oltre 600 espositori con i marchi più prestigiosi, attirando aziende da mercati strategici come California de Emirati Arabi, e da tutta Europa. «Da otto anni Motor Bike inaugura il calendario fieristico in Italia di Veronafiere – ha detto il presidente Maurizio Danese – Otto edizioni a Verona che hanno registrato un incremento costante dei visitatori, cresciuti del 58% passando dai 95 mila del 2009 ai 150 mila del 2015 in tre giornate di manifestazione. Un risultato importante che sottolinea come l’aver scelto la strada della partnership al 50% Veronafiere-Francesco Agnoletto abbia portato beneficio ad entrambe le parti e, soprattutto, alle imprese del settore»

Sui 20 mila metri delle aree esterne si alterneranno tre giorni di esibizioni e confronti. L’evento veronese vanta anche un primato: è l’unico a livello internazionale ad esporre oltre 200 moto special che, dopo essere state selezionate per qualità e originalità, si confrontano sotto gli occhi di qualificate giurie specializzate. «Possiamo dire senza ombra di dubbio che è il salone di riferimento internazionale, con in media un quarto dei visitatori provenienti dall’estero», ha sottolineato il direttore generale della fiera, Giovanni Mantovani . Nel 2015 il mercato italiano delle moto ha fatto segnare un deciso incremento delle vendite, in linea con la ripresa a livello nazionale particolarmente robusta sui beni durevoli. L’anno si è chiuso con poco più di 171 mila unità vendute, pari al +9,6%, ovvero circa 15mila pezzi. Nel dettaglio, le moto sono aumentate del 14,4%, gli scooter del 7%. Le più vendute per classe di cilindrata restano le oltre 1000 cc con 18.900 unità, ma l’incremento maggiore lo fa registrare la fascia tra 800 e 1000 con un +38,5%, pari a 18.100 unità. Infine il segmento più attivo è quello delle ‘naked” (le moto sportive senza carenatura) con un +33,5%.