Alpago (Bl), tangenti cava: 3 aziende perquisite

La Tribuna riporta che la procura di Belluno ha effettuato 15 perquisizioni nelle sedi delle tre società costituenti il Consorzio Farra Sviluppo, nel Comune di Farra, e alla Camera di Commercio e di Confidustria di Belluno. A finire nei guai sono la Fratelli De Prà Spa la Fornaci Calce Grigolin, di Susegana, e la Fassa Bortolo, di Spresiano. Sono accusate di aver versato una tangente di 10 mila euro per indurre la commissione tecnica del Comune di Farra d’Alpago a un illecito ribasso dei prezzi dei materiali estrattivi presso la cava di Col delle Vi.

Il reato ipotizzato dagli inquirenti è quello di induzione indebita a dare o promettere utilità (concussione). Ottenendo prezzi all’ingrosso ribassati le tre aziende avrebbero potuto risparmiare circa mezzo milione di euro all’anno sul canone da riconoscere al Comune di Farra d’Alpago, proprietario della cava e finito nell’inchiesta come parte lesa.

Tags: ,