“Golden milk”, l’elisir a base di curcuma

Dopo l’avocado, la quinoa, l’aloe vera e le bacche di Goji, la nuova food-mania sta tutta in un bicchiere. Dentro ci sono latte, miele e curcuma: ecco il golden milk, considerato un vero elisir di lunga vita. I primi a sfruttarne i benefici sono stati i medici ayurvedici che da tempo consigliano ai propri pazienti il latte d’oro, che in particolare deve la sua “magia” alla curcuma, spezia usata in India da più di 5000 anni.

La corcumina, il suo principio attivo, ha conclamate proprietà curative: potente antiinfiammatorio, analgesico, antiossidante, aiuta a curare i disturbi più vari, dai dolori articolari a quelli mestruali, disturbi intestinali e respiratori, mal di denti, e aiuta a tenere a bada anche trigliceridi e colesterolo. E anche se non si soffre di nessuno di questi disturbi fa comunque bene perché rafforza il sistema immunitario, e migliora il metabolismo e il transito intestinale.

Per provarne gli effetti, oltre che pura sotto forma di pasta, la cormumina si può anche assumere bevendola, nel golden milk appunto, che rafforza le sue proprietà naturalmente curative con quelle antibiotiche del miele. Chi ci ha provato suggerisce di berlo almeno una volta al giorno, preferibilmente a stomaco vuoto, e con regolarità almeno per un mese. Non resta che provare per credere.

Fonte

Tags: