Cortina, rifugio per ‘ndranghetista

Aveva trovato lavoro in un rifugio a Cortina ma è stato poi scovato e arrestato dalla polizia con l’accusa di appartenere alla ‘ndrangheta. Si tratta di Daniele Misiano, un 23enne nato a Polistena (Reggio Calabria) a cui vengono contestati i reati di rapina aggravata, ricettazione, lesioni aggravate e detenzione e porto illegale di arma comune da sparo in luogo pubblico. Tutto parte da un’indagine dopo una rapina avvenuta in una gioielleria di Cittanova ad opera di una banda di giovani che, entrati nel negozio fingendosi clienti, avevano picchiato l’anziano proprietario rubandogli gioielli per un valore superiore a 200mila euro.

I reati contestati a Misiano valgono anche, a vario titolo, per i suoi tre complici: un minorenne, Antonio Rao, 21 anni, Simone Zerbi, 21 anni, e Biagio Versace, 66 anni, accusato di essere il ricettatore. Misiano, in particolare, era ricercato da tempo e si era reso irreperibile fino al momento dell’arresto.

Tags: ,