Trivelle in Adriatico, Croazia annuncia moratoria

Nuovo punto a favore dei No-Triv, contrari a nuove trivellazioni nell’Adriatico, ovvero l’annuncio del nuovo premier croato Tim Oreskovic di una imminente «moratoria al progetto di esplorazione ed estrazione degli idrocarburi». Viene così a saltare l’argomentazione dei Sì-Triv, quindi, che fino a ieri potevano dire che non avrebbe senso bloccare le trivelle italiane se a poche miglia dalle nostre cose la Croazia scava comunque – e quindi gli eventuali danni causati dalle trivelle li pagheremmo in ogni caso.

«I miei complimenti al nuovo governo croato – ha detto al Corriere del Veneto il presidente del consiglio Roberto Ciambetti – muta ulteriormente il quadro relativamente alle trivelle così strenuamente difese dal governo Renzi ma bocciate anche dai nostri dirimpettai nell’Adriatico (…) Il potenziale disastro ambientale è chiaro ai croati e oggi la mossa del premier Oreskovic dimostra l’importanza della battaglia condotta dalla nostra Regione».