Treviso, Pd vuole espellere la Caldato

Il Pd di Treviso ha comunicato a Maristella Caldato che non sarà più invitata alle riunioni del gruppo consiliare nè a quelle di maggioranza, ratificando quindi le decisioni prese dagli altri consiglieri dopo il suo ricorso contro la delibera della Giunta su Actt servizi. «Decisione illegittima, e antidemocratica, sono consigliere comunale e iscritta al Pd – ha scritto ieri la Caldato su Facebook, dopo il direttivo del Pd cittadino durante il quale le è stata ribadita l’esclusione – è un’offesa ai 568 cittadini che mi hanno votata con il mio/nostro sindaco». Secondo quanto riportato da La Tribuna il Pd trevigiano ha inoltre chiesto agli organi disciplinari del Pd provinciale l’espulsione della consigliera e nel frattempo le ha tolto le deleghe in commissione urbanistica.