Tav, comitato Creazzo: «scempio ambientale»

Progetto Tav, il comitato cittadino di Creazzo (Vicenza) si ribella all’ipotesi del campus di operai del cantiere (in foto, una cantiere in Val Susa) in zona Carpaneda. Laura Benetti, presidente del comitato, parla al Corriere del Veneto di oggi: «Nove ettari di suolo agricolo coltivato, pari a 13 campi da calcio, dovrebbero lasciar spazio ad una devastante colata di cemento destinata ad ospitare per otto anni il mega Campus per il cantiere Tav. Uno scempio ambientale». La Benetti invoca il coinvolgimento del suo Comune, così da dare una valutazione imparziale su «inquinamento ambientale, abuso del territorio, aumento del traffico, rischio idrogeologico ed incidenza sulla qualità della vita dei cittadini».

Tags: