Franceschini: non solo turisti, Venezia rimanga viva

«E’ un giorno importante che restituisce a Venezia e al mondo una parte recuperata delle Gallerie dell’Accademia. E’ un ulteriore passo di un percorso su cui stiamo lavorando ed è un momento simbolico della strada di recupero e valorizzazione dei beni culturali che stiamo facendo». Lo ha detto il ministro di Beni Culturali e Turismo, Dario Franceschini, intervenendo a Venezia all’inaugurazione delle nuove sale dell’ala palladiana delle Gallerie dell’Accademia. Franceschini ha evidenziato il ruolo che gli enti locali svolgono nel cammino che vede assieme tutela e valorizzazione del patrimonio culturale e ha detto di condividere «la sfida mondiale per fare restare Venezia una città viva e non solo un luogo per turisti che consumano». Un aspetto quello della comune importanza della valorizzazione dei monumenti ma anche della vitalità della città lagunare sottolineato anche dal sindaco Luigi Brugnaro.

Franceschini ha quindi ricordato la nuova strada intrapresa dal ministero che oltre alla sfida vinta per la tutela del patrimonio culturale, adesso accomuna con forza il tema della valorizzazione dello stesso anche attraverso investimenti. A tale proposito ha ricordato che per troppi anni ci sono stati tagli anche alla cultura e che adesso si è deciso di invertire la rotta con anche nuove assunzioni. Prima di entrare alle Gallerie, il ministro ha incontrato i rappresentanti dei lavoratori dei beni culturali locali. Poi si è intrattenuto con il comitato No Grandi Navi dal quale ha ricevuto un documento. Dopo aver sentito le ragioni della protesta contro il transito delle grandi navi da crociera in bacino San Marco, il ministro ha detto: «lo leggerò».