Veneto, un residente su dieci è straniero

In Veneto un residente su 10 ha passaporto straniero. Una presenza ormai stabile e che si sta integrando: lo dimostrano gli oltre 100 mila stranieri residenti in Veneto che sono diventati “italiani” acquisendo la cittadinanza negli ultimi dieci anni, con una impennata lo scorso anno di 20 mila “naturalizzazioni”, e il progressivo allineamento delle comunità straniere ai comportamenti demografici della società veneta. A fotografare i cambiamenti in atto nella società veneta è il Rapporto annuale sull’immigrazione straniera in Veneto, elaborato dall’Osservatorio regionale sull’Immigrazione su dati statistici 2014.

«Il Veneto, con il 16% del totale nazionale di nuove cittadinanze, in aumento del 40% rispetto all’anno precedente, dimostra di essere terra di integrazione, nella quale gli immigrati hanno trovato lavoro, casa e costruito famiglie», sottolinea Manuela Lanzarin, assessore ai flussi migratori Manuela Lanzarin. «I “nuovi veneti” rappresentano oltre il 2% della popolazione, con un trend che appare in costante crescita. Si tratta di un fenomeno demografico e sociale del quale dobbiamo tener conto nel pianificare le politiche sociali del prossimo decennio».