Trivalente, cala il numero di vaccinati in Italia

Il trend delle vaccinazioni in Italia è sempre in calo e per morbillo, rosolia e parotite gli obiettivi del 95%, necessari a garantire la cosiddetta “immunità di gregge” sono molto lontani. Lo confermano i dati diffusi dal Ministero della Salute sulla seconda dose della vaccinazione trivalente, che confermano quelli di pochi mesi fa sulla prima. La media nazionale di copertura della seconda dose nel 2014 è risultata intorno all’82,5%, in calo rispetto all’84% del’anno precedente.

Nessuna regione arriva al 95%, con l’Umbria che risulta la più virtuosa con il 92,3% (era al 94% nel 2013) seguita da Emilia Romagna, che passa però dal 92% al 91%, Piemonte e Lombardia, entrambe poco sopra il 90%. I dati peggiori si hanno per la Sicilia, intorno al 65,6% di copertura ma in aumento del 10%, Calabria (65,7%) e Campania (73,9%). La seconda dose, spiega il sito del Ministero, si dà di solito a 5-6 anni, secondo il Piano nazionale per l’eliminazione di morbillo e rosolia congenita. “Il Piano individua il raggiungimento di una copertura vaccinale di almeno il 95% – si legge sul sito -. Purtroppo tali obiettivi non sono stati raggiunti, in nessuna regione italiana, anzi, è presente un trend in diminuzione della copertura, pressoché ovunque”.

Fonte

Tags: