Tosi: «secessionisti tanko? Scriteriati inoffensivi»

«Mi chiedo se in un Paese come l’Italia in cui si rimettono quotidianamente a piede libero rapinatori a mano armata, come a Verona dopo una tentata rapina al supermercato, ladri di vario genere e spacciatori di droga, il vero grande pericolo, la priorità per la sicurezza nazionale sia indagare e processare per terrorismo i 48 inoffensivi “scriteriati” che avrebbero pensato di fare la secessione usando l’arma letale di un caterpillar». A sollevare la questione Flavio Tosi, sindaco di Verona e leader di Fare!.

«Non li avrebbero accettati – aggiunge – nemmeno in una sfilata di carnevale. Mi chiedo cosa pensino del sistema giustizia tutti quei cittadini che quotidianamente sono vittime di reati quasi sempre compiuti da delinquenti recidivi e che dovrebbero essere già stati incarcerati o espulsi dal nostro Paese».