Aim, Celebron (Lega): «sì a multiutility veneta»

«In vista delle aggregazioni e del progetto del governo di favorire la nascita di grandi gruppi a capo dei servizi, si lavori per la nascita di una grande multiutility veneta». Questo il commento di Matteo Celebron segretario vicentino della Lega Nord che interviene in merito alle indiscrezioni apparse sulla stampa dopo l’approvazione dell’ordine del giorno in Consiglio comunale che impegna Aim ad illustrare i possibili scenari aggregativi con altre aziende di multiservizi. «Dalle indiscrezioni riportate sulla stampa – afferma Celebron – Variati guarderebbe con interesse un’aggregazione alla multiutility bolognese Hera. Considero questa valutazione, se veritiera, sbagliata dal punto di vista strategico. Non ha alcun senso entrare in un gruppo dove la maggioranza relativa è detenuta da enti locali fuori regione. In questo caso il peso di Vicenza sarebbe da considerare quasi ininfluente, contrastando così la logica dell’autonomia operativa».

«La valutazione dell’operato delle multiutility e la loro dimensione ottimale – continua il segretario leghista – dovrebbe essere fatta non solo sul risultato economico ma anche sulla qualità dei servizi che riesce ad erogare ai cittadini. Sono convito – conclude Celebron – che sia sì necessario favorire l’aggregazione o la fusione per creare un gruppo solido e competitivo nel libero mercato ma che sia altrettanto importante valutare con attenzione che tipo di strada prendere. Le aziende di servizi venete insieme possono creare un polo importate, mantenendo la vicinanza con il cittadino, un’autonomia operativa e difendendo il capitale importante creato in tutti questi anni».