Dirigente scolastico: «basta compiti a casa»

«Basta compiti». A dirlo non è un giovane studente, ma Maurizio Parodi, un dirigente scolastico di Genova che ha lanciato una petizione su Change.org per chiedere alle scuole dell’obbligo di interrompere l’obsoleta pratica di caricare gli studenti di lavoro da fare a casa. Secondo il professore, i compiti a casa sono inutili, dannosi e stressanti. La petizione ha già raggiunto 7 mila firmatari.

«Le nozioni ingurgitate attraverso lo studio domestico per essere rigettate a comando hanno durata brevissima», dice Parodi. Inoltre i compiti «suscitano odio per la scuola e repulsione per la cultura» e «ledono il diritto al riposo e allo svago», limitando o impedendo «lo svolgimento di fondamentali attività formative (come musica o sport), oltre gli orari delle lezioni, che richiedono tempo, energie, impegno, esercizio».

Fonte

Tags: