Moretti accusa Pd: «ingerenze da Roma»

Si apre lo scontro tra il Pd veneto e quello romano. Motivo della diatriba è sempre la nomina ai vertici della finanziaria regionale Veneto Sviluppo di esponenti della Fondazione Kairos, finanziatrice della deludente campagna elettorale per le Regionali di Alessandra Moretti. Aspre critiche sono piovute dal capogruppo padovano Umberto Zampieri e da tre parlamentari, Alessandro Naccarato, Vanessa Camani, Vincenzo D’Arienzo. A questi, i 9 consiglieri dem di Palazzo Ferro-Fini guidati dalla Moretti, hanno replicato compatti con una lettera di fuoco dai toni molto accesi.

Come riportato dal Corriere del Veneto, ai contestatori si imputa la «totale non conoscenza delle procedure» e «interpretazioni prive di fondamento». I consiglieri dem difendono le nomine perché ispirate da «requisiti professionali ed equilibri di rappresentanza e di genere» e smentiscono ogni accordo sotterranea con la Lega: «abbiamo agito d’intesa con il gruppo tosiano, com’è già avvenuto in Parlamento». Ma i toni si fanno via via sempre più accesi: «il principio di autonomia» deve valere sia a Roma che a Venezia», viceversa, dicono i veneti, «saremmo lieti di intervenire nella definizione delle nomine nazionali», con il trio dei parlamentari «sono venute meno le condizioni di collaborazione».

Tags: ,