Quote rosa, Moretti: finita situazione inaccettabile

«Non era più accettabile che nei Consigli regionali vi fosse una media di rappresentanza femminile ferma ad appena il 18%: una condizione di autentica arretratezza rispetto agli altri Paesi e anche rispetto alle altre istituzioni italiane. Finalmente, con l’approvazione di questa legge, si compie un passo di civiltà: chiediamo a questo punto che il Veneto si adegui velocemente, recependo la normativa». Lo sottolineano le consigliere regionali Alessandra Moretti, Orietta Salemi e Francesca Zottis, del Pd, assieme a Cristina Guarda (Lista Moretti), commentando l’approvazione da parte della Camera della legge sulla quote rosa nelle elezioni regionali.

«Già in chiusura della scorsa legislatura il Pd – ricordano le consigliere – aveva condotto in Veneto una strenua battaglia per raggiungere, con la doppia preferenza di genere, questo risultato. Una battaglia contro la quale il centrodestra aveva fatto muro, impedendo un cambiamento che già poteva attuarsi ed applicarsi con le ultime elezioni regionali. Adesso questo traguardo è stato raggiunto ed è anche il frutto di un impegno che a livello territoriale i democratici hanno sostenuto con grande forza. E’ la dimostrazione che i cambiamenti sociali, culturali e politici, sono più forti di ogni resistenza conservatrice e poco lungimirante».

Tags: