Moretti nel governo? «No grazie, resto in Veneto»

Nei giorni precedenti l’ultimo rimpasto, il premier Matteo Renzi ha offerto ad Alessandra Moretti un posto da sottosegretario nel governo per “risarcirla” dopo la batosta elettorale contro Luca Zaia, ma lei ha rifiutato scegliendo di rimanere in Regione. «L’incarico governativo non l’ho voluto, né l’avevo sollecitato, perché sarebbe stato uno sgarbo verso quanti mi avevano sostenuta e votata – dice la Moretti al Mattino -. Prima delle regionali io ho rinunciato a un comodo e lauto seggio europeo, non l’ho fatto per andare a Roma ma per radicarmi in Veneto e costruire qui una leadership autorevole del centrosinistra alla quale, in umiltà, aspiro. Il patto con Zaia? Fantasie, non è mai esistito (…) con Zaia c’è un rapporto istituzionale corretto e anche cordiale».

«Io mi batto perché il Veneto abbia una sponda a Roma e, a differenza di Zaia che nel governo vede un avversario da combattere, io cerco sinergie nei ministeri perché il nostro territorio, stretto da due regioni a statuto speciale, non sia penalizzato ma rientri in una politica di crescita e sviluppo. Ritengo importante questo compito – conclude la Moretti -, sia per la nostra comunità che per il Pd. Dopo la grave sconfitta dell’anno scorso, abbiamo bisogno di riacquistare credibilità e autorevolezza».

Tags: ,