Veneto Banca, 2015 in forte perdita

Secondo Corriere Economia, domani l’istituto di credito di Montebelluna chiuderà i conti 2015 registrando una forte perdita. L’ad Cristiano Carrus sta infatti svolgendo una profonda opera di pulizia con l’intento di segnare una netta discontinuità con il passato e di migliorare le prospettive future della banca. Veneto Banca intanto si appresta in aprile a sbarcare a Piazza Affari e all’aumento di capitale da circa un miliardo di euro garantito da Banca Imi. Secondo gli analisti il prezzo delle azioni sarà lontanissimo dai 40 euro del recente passato.

Intanto anche in Banca Popolare di Vicenza si attende una perdita a circa 1,2 miliardi nel 2015. Domani il cda sui conti. Le prossime tappe per BpVi sono la decisione del prezzo di recesso delle azioni e l’assemblea per la trasformazione in spa il 5 marzo. Per il passaggio in spa si prevede la riduzione dei posti in cda dagli attuali 18 a 13 membri. La popolare berica dovrà anche effettuare un aumento di capitale da 1,5 miliardi garantito da Unicredit. Secondo il Corriere Economia un nocciolo duro di azionisti sarebbe già pronto a sottoscriverne circa un terzo.