Casa in legno, il futuro che parte dal passato

La casa ecologica piace, la casa in legno ancora di più!

[pro_ad_display_adzone id=”45004″]

3000 edifici costruiti in Italia nel 2014 per un fatturato di 658 milioni di euro: questi i dati resi noti dal “Rapporto case ed edifici in legno” curato dal Centro Studi Federlegno Arredo Eventi. Il Veneto si posiziona terzo in Italia come costruzioni in legno mentre l’Italia è al quarto posto in Europa tra i paesi produttori: un chiaro segnale di come l’edilizia sostenibile sia una parte solida del nostro patrimonio tecnico e culturale che ha permesso agli edifici in legno di diventare un vero e proprio segmento di mercato e non più solo una nicchia. Un trend che dal 2010 segna una crescita costante ed attira sempre più attenzione e curiosità. D’altronde il legno ha molti lati positivi alcuni ovvi come l’essere ecologico altri meno intuitivi come il fatto che consente un risparmio energetico del 40% rispetto alle strutture tradizionali. Inoltre i tempi di costruzione e consegna sono decisamente più rapidi. Ma vediamo nel dettaglio alcune delle caratteristiche straordinarie di questo materiale, conosciuto ed utilizzato dall’uomo per millenni e oggi troppo dimenticato.

1) Il legno è un materiale da costruzione che “respira”
L’albero che cresce in un bosco, grazie alla fotosintesi, riesce a “stoccare” CO2 nel legno che “costruisce” durante la sua vita. Dando un po’ di numeri ogni metro cubo di legno utilizzato per le costruzioni può “evitare” una tonnellata di CO2 emessa nell’atmosfera. Se a questo si aggiunge che 0,9 tonnellate di CO2 sono conservate nel legno, ogni metro cubo di legno evita un totale di 2 t di CO2.

2) Il legno come idea di bellezza sana
Questo materiale crea in maniera naturale delle condizioni di vita sane: è facile da tener pulito, aiuta a mantenere un ottimo equilibrio riguardo l’umidità dell’aria interna e riduce molto il rischio di condensa sui muri, causa di muffe.

3) Il legno è sicuro
Oltre a presentare forti proprietà di resistenza meccanica (il legno è un materiale “solido”), il legno è un ottimo materiale per le costruzioni con caratteristiche di resistenza ai terremoti. Inoltre, e forse questo stupirà la maggior parte di voi, in una casa con struttura in legno il rischio di danni per incendio risulta drasticamente ridotto. Il legno, infatti, è un cattivo conduttore di calore e la sua combustione è estremamente lenta: inoltre bruciando in superficie, mantiene durante la combustione paradossalmente “protetta” l’anima strutturale, dei pilastri o delle travi.

4) Il legno ti fa risparmiare energia
L’argomento risparmio energetico è molto vasto, ma basta un cenno per capire quanto il legno possa essere un valido alleato anche in questo. Grazie alla sua struttura cellulare, una volta essiccato correttamente questo materiale fornisce uno straordinario isolamento termico: 15 volte migliore del calcestruzzo, 400 volte di quella dell’acciaio, 1770 volte superiore di quello dell’alluminio.

Quando si parla di costruire con il legno spesso si esalta questa scelta come etica, ed è vero senza ombra di dubbio, ma negli ultimi tempi sta diventando probabilmente anche una necessità. Questa sembra essere l’unica strada per contrastare lo sviluppo incontrollato delle attività produttive. È di sicuro una strada buona, per recuperare la ricchezza di un materiale da sempre usato dall’uomo per le sue numerose ottime caratteristiche. Ma è anche, e a questo pochi pensano, una delle strade più semplici per combattere l’aumento di CO2, principale problema dell’inquinamento dei nostri tempi.

A cura di Alberto Motterle –  Studio Motterle

 

[pro_ad_display_adzone id=”45004″]

Tags: