Veneto Banca smentisce su Schiavon. Lui: «io leale»

Il consiglio di amministrazione di Veneto Banca, con riferimento ad una lettera ricevuta dal presidente dell’Associazione degli azionisti di Veneto Banca, Giovanni Schiavon, in cui lo stesso dichiara il suo rifiuto ad assumere la presidenza della controllata Veneto Banka Albania, ha precisato che «nessuna proposta ufficiale in tal senso è mai stata formalizzata» dallo stesso cda nei suo riguardi. Questo, aggiunge una nota di Veneto Banca, «nonostante gli indubbi requisiti professionali riconducibili al dottor Schiavon, che farebbero di lui un possibile candidato anche alla luce dell’esperienza maturata in passato all’interno del cda di Banca Italo-Romena, oggi succursale di Bucarest di Veneto Banca». Il cda ha comunque designato ieri Beniamino Quintieri alla presidenza di Veneto Banka Albania, e Maurizio Benvenuto presidente della controllata Eximbank (Moldova), entrambi già consiglieri della capogruppo Veneto Banca.

«Preferisco continuare a concentrare il mio impegno alla guida dell’associazione, i cui iscritti hanno il diritto di continuare a credere ancora nella nostra opera di sostegno delle loro ragioni (per quel che sarà possibile e lecito), senza il dubbio di essere stati da me “traditi” – specifica Schiavon sul Mattino-. Assicuro comunque la mia lealtà nei confronti della governance di Veneto Banca e preferisco impedire in radice che una mia disponibilità alla nomina offertami venga interpretata dai risparmiatori come un segnale di abbandono e di disimpegno».