Berti (M5S): «banche venete pronte a fallire»

«Nel Veneto ci sono banche pronte a fallire e 300 mila euro a fronte di 208 mila azionisti di Popolare Vicenza e Veneto Banca, equivalgono a un caffé ciascuno. Pensiero gentile da parte di Zaia, ma dubito che basterà». Queste le parole dure con cui il capogruppo del Movimento 5 stelle in Consiglio regionale, il padovano Jacopo Berti, è intervenuto per commentare lo stanziamento del fondo per l’assistenza legale ai piccoli azionisti colpiti dalle crisi bancarie.
«Purtroppo so di cosa parlo – ha proseguito Berti, che prima di “scendere in politica” faceva il brocker – e non più tardi di stamani ho avuto uno scambio d’opinioni con colleghi che lavorano sulla piazza di Londra. «Non mi improvviso indovino – ha poi concluso il suo intervento, raccolto dal Mattino – anzi spero di sbagliare, ma il crollo nella raccolta delle popolari induce al pessimismo circa l’impatto del titolo in Borsa. Non è difficile immaginare un ulteriore deprezzamento del valore azionario e un successivo, massiccio, intervento speculativo».