Profughi, Bisinella (Tosi): «Zaia incoerente»

Patrizia Bisinella, senatrice trevigiana del movimento del sindaco di Verona Flavio Tosi Fare!, critica la Lega e i suoi vertici sulla linea dura assunta sui profughi. Dalle pagine della Tribuna, Bisinella attacca la partecipazione del governatore del Veneto Luca Zaia al corteo antiprofughi di Oderzo, venerdì scorso e alla sua decisione di chiudere le frontiere sulla scia di quanto fatto dal governo austriaco: «quanta incoerenza, nella Lega» è stato «l’allora governo di centrodestra a guida Berlusconi, con la Lega Nord, a sottoscrivere il Regolamento Dublino II, in base al quale l’Italia, così come qualsiasi altro Stato firmatario, si è impegnata a prendersi in carico i profughi che sbarcano sulle nostre coste».

«Era proprio Zaia, nel 2011, sulla scia di Maroni, a dire e a dichiararsi subito pubblicamente disponibile ad accogliere la propria parte di immigrati -, conclude Bisinella – lo Zaia che oggi, nel bilancio regionale di 17,4 miliardi stanzia solo 1,6 milioni di euro, la decimilesima parte, per la sicurezza dei veneti». Sul piano politico nazionale, invece, Bisinella punta il dito contro il segretario del Carroccio, Matteo Salvini: «attacca Alfano, dice che è il ministro degli immigrati ma poi si candida con l’Ncd alle amministrative di Milano….».

 

Tags: