Viaggiava a 220 km/h, assolto: «aveva dissenteria»

La corsa in autostrada a 220 all’ora con il suo Porsche Carrera gli era costata la sospensione della patente, la decurtazione di dieci punti e oltre 500 euro di multa per guida in stato di ebrezza. Ma l’imprenditore di Noventa Padovana, è comunque riuscito a evitare la sanzione, convincendo il giudice di pace che l’alcoltest era alterato. A raccontare la storia è “Il Mattino di Padova”: alcuni mesi fa l’uomo era sfrecciato a tutta velocità davanti alla Polstrada, che l’aveva inseguito riuscendo a bloccarlo al casello di Padova est.

Il quarantaduenne aveva raccontato di essere andato a cena a Verona ma di non aver bevuto, prima di sentirsi male ed essere trasportato al Pronto soccorso dell’ospedale di Padova dove, tra gli altri test, è risultato positivo all’alcoltest. Qualche giorno fa l’inedito finale: il giudice di pace ha accolto il ricorso presentato dall’imprenditore poiché l’alcoltest, come scrive il quotidiano, “sarebbe stato alterato dalla disidratazione dovuta alla dissenteria di cui l’imprenditore soffriva in quel periodo” e quindi le sanzioni sono nulle.

Fonte

Tags: ,