Venezia, arrivano i tornelli a San Marco

Gli annunciati tornelli all’entrata della Basilica di San Marco a Venezia saranno presto una realtà: lo dice al Corriere del Veneto il primo procuratore Carlo Alberto Tesserin. Che spiega: «il nostro intento è aprire tutti gli accessi ma vorremo essere certi che chiunque entri sia numerato e controllato attraverso tornelli e telecamere. Per la sicurezza della Basilica e dei visitatori stessi». Il nuovo sistema va a implementare l’attuale sistema che, dopo l’apertura della porta giubilare della Misericordia di San Clemente avvenuta lo scorso 13 dicembre, prevede uno smistamento dei fedeli (che entrano in Basilica dalla parte destra dell’atrio e possono visitare il Battistero) dai turisti.

«Ho ottanta anni, avrei dato la mia disponibilità per altri due, tre anni, ma hanno deciso diversamente – racconta il proto di San Marco Ettore Vio – il progetto dei conta-persone non lo hanno chiesto a me ma è un sistema molto moderno che permette di controllare che in ogni momento nella chiesa non ci siano più di trecento persone. San Marco è una chiesa, non un museo, e sul rischio attentati certe scelto sono concordate con la prefettura».

Tags: ,