BpVi, No Spa in piazza il 26 febbraio

Venerdì 26 alle ore 10.30 a Vicenza, le associazioni dei soci contrari alla trasformazione in Spa della Banca Popolare di Vicenza scenderanno in piazza per ribadire il loro no all’operazione. Il corteo di protesta partirà da Galleria del Pozzo, sede della Banca d’Italia, e giungerà a Palazzo Thiene, sede storica della BpVi. La manifestazione è promossa dall’associazione “Azionisti Associati Banca popolare di Vicenza” in collaborazione con il “Coordinamento associazione soci banche popolari venete don Enrico Torta”, Adusbef, Codacons, Confedercontribuenti Veneto, “Associazione Culturale Ezzelino III da Onara” e “Noi che credevamo nella Banca Popolare di Vicenza.

Di seguito riportiamo uno stralcio del comunicato diffuso dal Cordinamento Don Torta: «quello che stiamo subendo come soci risparmiatori delle banche popolari venete è di gravità assoluta e diverso dalla crisi di qualsiasi altra banca. Qui non c’è solo il malgoverno da parte degli amministratori attivi sino alla metà del 2015 (…) ci sono dei gravissimi vuoti di controllo da parte degli organi istituzionali e, quel che più è grave, uno sconsiderato intervento esterno alla banca che impone regole che non sono finalizzate alla tutela del risparmio, come vorrebbero farci credere, ma agli interessi della grande finanza internazionale. Dimostrazione ne è che i soci risparmiatori ci hanno rimesso quasi tutto (…) e la nostra terra pagherà un prezzo altissimo (…) Non ci sono tante vie di uscita, anzi, solo una: il popolo deve riprendere in mano il proprio destino. In momenti come questo, dove la politica non solo assiste indifferente al massacro del popolo ma lo agevola, è lecito ribellarsi».