Dopo Squinzi, Nordest ancora senza candidato

Ieri a Mogliano (Padova) si sono nuovamente incontrati i presidenti delle Confindustrie regionali del Nordest per fare il punto sul candidato alla successione di Giorgio Squinzi che verrà scelto nella votazione dei saggi a Verona il 9 marzo. I nomi in campo sono quelli di Vincenzo Boccia, il romano Aurelio Regina, il bolognese Alberto Vacchi e il bresciano Marco Bonometti. Ma il Nordest non pare ancora essersi compattato nonostante vari appelli all’unità. Se il presidente della Piccola Industria, il veneto Alberto Baban, sostiene la candidatura di Boccia, Stefano Dolcetta, vice di Squinzi e presidente di Banca Popolare di Vicenza, appoggia il presidente di Federmeccanica Fabio Storchi. Ma Storchi in campo non è mai sceso. Dunque, per mantenere il presidio meccanico, il Nordest potrebbe puntare o su Vacchi, sostenuto dall’Emilia e da Assolombarda, o su  Bonometti. Inoltre il Nordest è ancora senza una candidatura anche per la vicepresidenza. Intanto il sito online Affari Italiani è lapidario: «diversamente da quanto affermato, il Nordest non voterà compatto».

Tags: